Consigli per arredare l’ingresso di casa

Arrivare a casa è una delle cose più belle dopo un’intera giornata di lavoro e di stress.
Per questo motivo, l’accoglienza deve essere delle migliori. Non è bello, infatti, aprire la porta di casa ed essere accolti da un ingresso spoglio e freddo, che non dà di casa.
Organizzarlo e renderlo famigliare è l’obiettivo principale, una missione da compiere, che non impiegherà molte energie.

Il ruolo importante lo giocherà la creatività ed un po’ di buon gusto. Che sia la casa di una famiglia numerosa, che si viva in affitto o si parli di un monolocale da single, non fa la differenza.
Il segreto sarà rendere questo piccolo spazio un luogo piacevole che, alla sola vista, vi faccia tirare un respiro di sollievo e che vi dia il benvenuto.
Anche se piccolo, c’è da ricordare che non è un ambiente importante solo per voi, ma lo sarà anche per i vostri ospiti.
Tutti coloro che si avvicineranno alla vostra soglia, infatti, noteranno il vostro ingresso e sarà il biglietto da visita della vostra dimora.
La prima impressione è quella che conta, per questo non dobbiamo deludere i nostri ospiti.

 

Fonte Foto

 

Organizzazione e pulizia

Un ingresso pulito e ben ordinato, darà l’impressione che nella vostra casa sia tutto sotto controllo.
Dato che si tratta di un luogo abbastanza piccolo, non bisogna decorarlo troppo o addobbarlo con molte cianfrusaglie, poiché il rischio sarà quello di renderlo pacchiano e troppo opprimente.
Meglio pochi dettagli e ben collocati! Ricordate: decorare con piante e fiori freschi è sempre una buona opzione.

 

Fonte Foto

 

Estetico, ma funzionale

L’errore che commettono in molti è quello di pensare più all’estetica che alla funzionalità dei luoghi, pentendosene successivamente.
La funzionalità è importante tanto quanto l’estetica, per questo, non bisogna tralasciarla. È fondamentale, quindi, fare attenzione ai dettagli, affinché siano pratici ed efficienti. Basicamente, ci sarebbero tre cose che non possono mancare in un ingresso perfetto:  l’appendiabiti, il portaombrelli ed una consolle.

 

Partendo dall’appendiabiti, questo funge da vero e proprio anfitrione. Nel tornare a casa, è importante avere un punto di riferimento per riporre il proprio giubbino. Infatti, non è un caso che il primo gesto di cortesia nei riguardi di un ospite è prendergli la giacca e sistemarla nell’apposito spazio.

 

Fonte Foto

 

Il portaombrelli è fondamentale tanto quanto l’appendiabiti. Oltre ad essere un oggetto che mantiene la pulizia ed evita lo sgocciolare dell’ombrello per tutta la casa, è anch’esso un oggetto di “benvenuto”. Quando un ospite arriverà nella tua dimora con l’ombrello bagnato, si sentirà più a suo agio nel caso di presenza di portaombrelli, che gli eviterà la “brutta figura” di portarti disordine e sporcarti casa, non sapendo dove riporlo.

 

Fonte Foto

 

La consolle potrebbe risultare meno importante degli altri due oggetti, ma non è così. Questo mobile funge da vero e proprio punto di riferimento, permettendo di arrivare a casa e posarvici la posta, messaggi per gli altri membri della casa, le chiavi dell’appartamento stesso e della macchina. È sempre bene, dunque, avere uno spazio del genere affinché non ci si trovi nella situazione di non saper dove appoggiare gli oggetti in caso di mani occupate.
Se, poi, alla consolle, si aggiunge uno specchio, il vostro ingresso sarà abbastanza completo.
La sua funzione sarà quella di darvi un ultimo sguardo prima di affrontare la vita frenetica che vi attende fuori, ma anche rendere più grande l’ambiente piccolo.

 

 Fonte Foto

Una casa all’ultima moda con l’Ultra Violet 2018

Per il 2018 Pantone, una delle aziende leader nel settore della grafica e della catalogazione dei colori, ha pensato di promuovere una tinta davvero eccezionale: Ultra Violet 18-3838.

Questa tonalità di viola è unica, sia nelle sue sfumature più chiare, che in quelle più scure e la prima cosa che viene in mente osservandola sono i colori magici delle galassie.

Dopo le ultime tendenze cromatiche, come il Tiffany ed il Greenery, molto originali, ma pur sempre sempre classiche, quest’anno la proposta di un viola così particolare ci stupisce: questo colore è definito dalla casa produttrice un “viola riflessivo e provocante”; grazie a questo nuovo “concept di viola”, ci rendiamo conto di essere dinanzi ad un’innovazione concreta del modo di pensare e di produrre i colori.

Con questo nuovo prodotto, l’azienda ha compiuto un’impresa piuttosto difficile: riuscire a svecchiare il viola! Proprio così: questa particolare tonalità non soltanto si discosta dal classico color violaceo, spesso mal visto, ma lo supera, reinventandolo. Il risultato? Una tinta nuova e fresca.

Ecco allora qualche idea originale per arredare casa con questo meraviglioso colore!

 

 

L’accostamento di colore

Se desiderate puntare su un arredamento eccentrico e chic, il viola fa al caso vostro; è molto importante però riuscire a creare un buon equilibrio degli ambienti, sfruttando ottimamente gli accostamenti di colore possibili.

Riuscire ad abbinare il viola non è molto semplice: essendo un colore acceso ed importante, è preferibile mantenere l’arredamento circostante in tonalità neutre; il bianco, ad esempio, è ottimo come abbinamento, come lo è il nero lucido. Se il viola non vi basta e volete osare ancora di più, un’ottima idea potrebbe essere quella di abbinarvi l’argento.

Il rischio più grande, nell’impiego del viola come colore principale dell’arredamento, è quello di esagerare, creando spazi troppo caotici ed appariscenti. Realizzando, invece, accostamenti più equilibrati è possibile ottenere ambienti che seguono un mood energico e molto gradevole.

 

L’ambiente giusto

Non tutte le stanze sono adatte ad accogliere un colore come il viola: questa tinta, ad esempio, non viene utilizzata quasi mai per le camere da letto o le zone studio, in quanto non è abbastanza equilibrata ed altera molto l’ambiente.

E’ bene inserire il viola nelle zone della casa in cui non si trascorre molto tempo, come appunto i corridoi, gli ingressi e le stanze degli ospiti. Ultra Violet 18-3838 è perfetto per tinteggiare una sola parete di una stanza: in questo modo, sarà possibile donare personalità all’ambiente senza appesantirlo.

Occorre riflettere con attenzione riguardo alla possibile collocazione di elementi viola, in quanto questo colore, è sicuramente energico e vivace, ma anche buio e scuro: per molto tempo, infatti, il viola è stato associato alla sfortuna e, dunque, mai utilizzato.

Proprio per questo motivo, al giorno d’oggi, se ne ha una visione quasi completamente negativa. Ultra Violet 18-3838 consente di rivalutare questa tinta e stimolarme l’utilizzo più frequente.

 

 

Fonte Foto

 

 

1. In cucina

La cucina è una delle stanze in cui si passa più tempo ed è un pò come l’anima della casa. Se avete una personalità eccentrica ed avete voglia di novità, la soluzione giusta per voi potrebbe essere quella di impiegare Ultra Violet 18-3838 in questa stanza!

L’idea migliore è quella di utilizzarlo nelle mattonelle a vista; se la vostra cucina non le possiede, potreste pensare di tinteggiare una o due pareti con l’idropittura di tale tinta.

Se all’interno della cucina sono presenti elementi in legno naturale chiaro, il viola sarà un’ottima scelta, perché donerà personalità e contemporaneità agli spazi.

 

 

Fonte Foto

 

 

2. In soggiorno

Utilizzare Ultra Violet in soggiorno è una soluzione molto originale, soprattutto per chi non ama le scelte classiche ed un ambiente neutrale; in questo caso, è possibile far realizzare dei complementi tessili di tale colore, come ad esempio, cuscini, fodere per il divano o poltrone ed anche tappeti.

 

 

Fonte Foto

 

 

3. In camera da letto

Come abbiamo visto precedentemente, utilizzare il viola all’interno di una stanza da letto non è un’ottima idea, perché si rischia di rendere l’ambiente troppo disequilibrato ed anche di appesantirlo. Tuttavia è possibile scegliere di inserire piccoli oggetti o tessili, realizzati in viola chiaro o scuro, come ad esempio lampade a sospensione o applique, tappeti e cornici per specchi.

In questo modo l’ambiente sarà originale e non risulterà troppo cupo.

 

 

Fonte Foto

4. In bagno

L’uso di un colore come il viola all’interno del bagno è un’idea estremamente originale e di tendenza. Le possibilità di utilizzo sono tantissime, a partire dalle pareti, fino ad arrivare ai pavimenti in resina, ma una delle scelte più trendy è, sicuramente, quella di acquistare (o far ridipingere) i sanitari in tinta Ultra Violet 18-3838.

La vivacità del viola, inserita all’interno di un ambiente chiaro, sarà ancora più originale, soprattutto, in caso in cui decidiate di realizzare nel bagno in questione mosaici in argento a parete o di inserirvi elementi particolari, come degli specchi argentati di forme stravaganti.

 

 

 Fonte Foto

Stile nordico a casa tua: 5 consigli pratici

Stile nordico a casa tua: 5 consigli pratici su come ricrearlo in modo facile

Lo stile nordico piace: è pulito, semplice, lineare, luminoso, ordinato… Insomma ha tutte quelle caratteristiche per le quali quando torniamo a casa ci sentiamo proprio a casa! Le abitazioni arredate con questo stile hanno dei tratti che le accomunano. In questo post vedremo quali sono e vi darò 5 consigli pratici su come ricrearli a casa vostra, cercando di spendere il meno possibile.

1. Stile nordico a casa tua, 5 consigli pratici: bianco ovunque

Il bianco è un colore luminoso, ideale come base per qualunque ambiente. Con il bianco sta bene tutto, da profondità, allarga lo spazio. Per le pareti e per la maggior parte dei mobili quindi, scegliete questo colore, adattandone la luminosità al vostro gusto: bianco gesso se preferite aggiungere complementi neri, bianco latte se preferite optare per dettagli pastello.

Fonte Pinterest da bricoberta.com

Continua a leggere