Librerie e pareti attrezzate: come organizzarle con stile

Librerie e pareti attrezzate: come organizzarle con stile

La libreria o la parete attrezzata con il televisore o il caminetto è sempre la zona più importante del salotto. Come fare per organizzarle con stile in modo da renderle piacevoli da guardare e dall’aspetto ordinato? In questo post vi darò tre semplici consigli che potrete applicare anche subito per rendere il vostro salotto esteticamente più elegante.

1. Come organizzare con stile librerie e pareti attrezzate: scegliete un tema

Per prima cosa, svuotate la parete di tutto il suo contenuto e ripartire da zero. Poi adottate un tema. Che sia un colore, un materiale, un motivo, sceglietene uno e fate un modo che ripercorra tutta la parete. Potete scegliere, ad esempio dei vasi di vetro: decidete se trasparente o colorato e disponeteli ad intervalli su tutta la parete. Oppure potete scegliere il legno o altri elementi naturali: comportatevi nello stesso modo.

Fonte Pinterest da collectedinteriorsblog.com

Continua a leggere

Illuminazione: i trucchi del mestiere per dare luce alla tua casa

Illuminazione: i trucchi del mestiere per dare luce alla tua casa

E anche in casa fu la luce! Sì, ma siamo sicuri che sia quella giusta? Siamo certi di aver scelto un’illuminazione funzionale, corretta e adatta ai vari ambienti della nostra casa? Ecco qui una breve guida per voi con i trucchi del mestiere per illuminare correttamente la vostra casa.

Prima di cominciare, vi faccio una premessa generale: ricordate di pianificare i punti luce prima di entrare in casa, nel caso stiate definendo l’impianto. Eviterete così di non avere luce dove invece vi servirebbe e viceversa.

Illuminazione, i trucchi del mestiere: cucina

Una buona illuminazione in cucina è fondamentale. Deve essere funzionale: diretta sul piano di lavoro e sui fornelli, in modo da vedere quello che stiamo facendo. L’ideale è di usare dei led incassati che non siano visibili ma che illuminino a sufficienza. Per dare luce all’ambiente invece, optate per illuminazioni che proiettino luci ampie, al posto di un unico punto luce in centro alla stanza. Eviterete così coni d’ombra.

Fonte Pinterest da Homedit.com

Continua a leggere

Natale 2018: a casa tua non solo i classici addobbi

Natale 2018: a casa tua non solo i classici addobbi

L’albero di Natale è già pronto, la casa è già addobbata… ma ogni anno è sempre uguale! Perchè? Perchè abbiamo la tendenza, in questo mese all’anno, a decorare la casa sempre nella stessa maniera. Per una volta, proviamo a cambiare qualcosa: a Natale, non ci sono solo i classici addobbi!

Il Natale 2018 a casa tua: le luci

Le luci sono una delle cose che fa più Natale. Ne esistono di colorate e di bianche in due varianti: bianco freddo e bianco caldo. Il primo, che ha una tonalità leggermente azzurrina, più fredda appunto sta bene con i colori come il bianco, l’argento e il blu. Il secondo è un po’ più giallo ed è perfetto invece con l’oro, il rosso, il verde. Tenete presente queste sfumature quando decidete quali acquistare per il vostro albero di Natale! Inoltre, oltre alle classiche lucine, vi suggerisco di valutare anche i fili di luci led, che potete appoggiare sulle mensole, avvolgere all’interno di cupole trasparenti o sugli angoli bui della vostra casa.

Fonte Pinterest da Stone Gable

Continua a leggere

Come arredare un bilocale: tre cose importanti da sapere

Come arredare un bilocale: 3 cose da sapere

Chi ha detto che un bilocale non può essere spazioso? Se ben organizzato può diventare non solo ampio e confortevole, ma un ambiente comodo in cui è facile trovare sempre tutto quello che si cerca, senza che ci sia disordine! In questo post vi svelo tre cose importanti da sapere quando pianificate l’arredamento del vostro bilocale.

1. Come arredare un bilocale, tre cose da sapere: sfruttare la cucina

Soprattutto se la cucina è un ambiente piccolo, è necessario che venga sfruttata fino all’ultimo centimetro disponibile, con mobili con ante chiuse e meno oggetti a vista possibile. Questo piccolo accorgimento vi permetterà non solo di usare ogni spazio utile, ma anche di confinare il disordine all’interno delle ante, che resteranno chiuse. Create inoltre su misura carrelli a scomparsa e armadi per scope etc. negli angoli che altrimenti rimarrebbero inutilizzati. In più, attrezzate un’eventuale isola perchè diventi, oltre ad un tavolo di appoggio, un elemento contenitore.

Fonte Pinterest da apartmenttherapy.com

2. Come arredare un bilocale, tre cose da sapere: sfruttare i muri attrezzandoli

Utilizzate la parete più lunga del soggiorno del vostro bilocale per attrezzarla alternando ante chiuse a mensole a giorno. In questo modo avrete un duplice vantaggio: il primo sarà quello di alleggerire l’impatto visivo della parete stessa, il secondo sarà quello di poter contenere anche oggetti che dovrebbero venire riposti in altri ambienti della casa (abiti, cappotti, tovaglie, etc.). Quando pensate alla struttura della parete, visualizzate dove volete che venga inserito l’elemento che occuperà maggior spazio (la TV o il caminetto) e poi procedete andando verso l’esterno. Altra cosa da ricordare è che, se volete evitare il disordine almeno visivo, che in un piccolo appartamento è sempre in agguato, più saranno le mensole a giorno e più sarà facile che l’effetto sia di confusione.

Fonte Pinterest da Design Rulz

3. Come arredare un bilocale, tre cose da sapere: usare colori chiari

Soprattutto se l’ambiente del bilocale è piccolo, optate sempre per colori chiari, evitando quelli troppo forti. Il bianco ha l’effetto ottico di allargare gli spazi, quindi, in primo luogo per le pareti e poi per l’arredamento, valutate questo colore. In alternativa, potete scegliere toni chiari come il grigio, il beige, tutte le sfumature del legno e del metallo nei loro toni naturali. Se volete dare un tocco di colore e prediligete i colori forti, scegliete una parete sola su cui appendere magari una composizione di quadri e dipingete solo quella nella sfumatura che preferite.

Fonte Pinterest da griya.tumblr.com

Shabby chic: come arredare la tua casa con questo stile

Shabby chic come arredare la tua casa con questo stile

I dettagli shabby chic all’interno di un’abitazione danno un tocco caldo e rustico: vediamo come aggiungerli al nostro arredamento

Le case in stile shabby chic sono senza dubbio dotate di un fascino che ricorda le atmosfere inglesi del passato. In più, gli ambienti shabby hanno un calore e una naturalezza che rendono una casa molto… “casa”. Spesso però un intero ambiente completamente arredato in questo stile può essere ridondante e risultare un po’ troppo ricco e pesante. In questo articolo vediamo come aggiungere qualche dettaglio shabby all’ambiente per impreziosirlo senza appesantirlo.

Fonte Pinterest da digsdigs.com

Shabby chic come arredare la tua casa: aggiungi dettagli naturali

Pensate ai cottage inglesi: i materiali che la fanno da padrone sono senza dubbio quelli naturali. Per i tessili quindi lana tricottata e cotone o lino grezzo ad esempio, per l’arredamento legno molto spesso lasciato appunto al naturale. I colori sono tenui: pastello, bianco caldo, marrone chiaro. Inoltre, non mancano mai i fiori, che devono essere semplici: peonie, tulipani, ortensie, anche essiccate, daranno un tocco caldo alla vostra abitazione.

Fonte Pinterest da Silvia Shabby Chic Joy

Shabby chic come arredare la tua casa: lascia i mobili al grezzo

Fatevi un giro al mercato delle pulci del quartiere e recuperate una vecchia credenza, o consolle, oppure qualche sedia spaiata da mettere intorno al tavolo della sala, anche se è in stile moderno. Resistete alla tentazione di farla rilaccare a nuovo: lasciate che la vernice un po’ scrostata si veda. Un angolo con un mobile così sarà immediatamente shabby.

Fonte Pinterest da Homedit.com

Shabby chic come arredare la tua casa: tocchi di barocco

Per chi ama in particolare modo questo stile, è d’obbligo aggiungere qualche dettaglio dal gusto più ricercato e barocco: uno specchio, un fermaporta, una lampada da tavolo o da terra. Sceglietelo sempre in un colore neutro (bianco, pastello, grigio) e lasciate che faccia vedere i segni del tempo, se l’avete trovato d’epoca.

Fonte Pinterest da Homedit.com

Shabby chic come arredare la tua casa: aggiungi un po’ di vintage

Il vecchio baule della nonna, un set di cornici vuote appese ad una parete bianca, in cucina pentole e tazze esposte su pensili a giorno, il vecchio scure di una finestra riverniciato e utilizzato come elementi decorativo a terra, al posto di un quadro: basta veramente qualche piccolo dettaglio a fare la differenza.

Fonte Pinterest da Homedit.com

Ecco le mie idee per aggiungere qualche dettaglio shabby alla tua casa…Ci avevi già pensato?

Se hai trovato interessante questo articolo, condividilo!

Arredare in style industriale

Progettazione cucina su misura

Progettazione cucine su misura Venezia

Lampada Tolomeo

I trent’anni della Lamapda Tolomeo.

La famosa lampada firmata De Lucchi-Fassina per Artemide, sinonimo del Made in Italy, compie i suoi primi 30 anni e per festeggiare… va in esposizione ad Amburgo. D’oro vestita. Gli appassionati di design sanno che esistono oggetti che vanno oltre le mode e le tendenze.

Oggetti che in qualche modo diventano simbolo di un’epoca. Oggetti che entrano a far parte della storia. La lampada Tolomeo fa parte di questi oggetti. Correva l’anno 1987 quando i designer Giancarlo Fassina e Michele De Lucchi firmarono quella che divenne non “una lampada” ma LA lampada: un’icona del Made in Italy, talmente ricercata che nel corso degli anni è stata riprodotta in diverse varianti e colori: dalla classica da tavolo, alla declinazione da muro, da terra e sospensione, fino alla recentissima Tolomeo Maxi Terra.

Fedele riproduzione in chiave moderna della lampada a molle (per intenderci la norvegese Naska Loris) la Tolomeo si distingue per eleganza e innovazione, caratteristiche che la rendono una fra gli elementi d’arredo più desiderati. Un design unico fatto di tiranti e molle che nel 1989 le è persino valso il prestigioso premio Compasso D’oro. Ma come nasce l’iconica lampada? Cos’ha ispirato i due designer italiani? In un intervista rilasciata a Lighting Field n. 6 di Artemide, De Lucchi dichiara che “la loro creatura” è nata ispirandosi ad un immagine a dir poco bucolica: quella dei “pescatori che pescano con la lenza”.

Lampada artemide tolomeoUn’idea all’apparenza semplice, ma è bastato per far diventare questo elemento d’arredo (termine parecchio riduttivo) un vero e proprio Must diffuso in tutto il mondo: dalle case, agli uffici, passando per alberghi, set fotografici e studi di architettura. E così, nel 2017, in occasione dei suoi 30 anni, Tolomeo si tinge d’oro e vola al Architektursalon di Amburgo, location perfetta che dall’ 11 luglio ospita la mostra “30 Years of Tolomeo: Michele De Lucchi Retrospective” , un focus dedicato al famoso architetto ferrarese, alla sua collaborazione con Artemide e naturalmente all’evoluzione della sua creatura. Una piccola curiosità: il nome Tolomeo fu scelto da Ernesto Gismondi la notte prima dell’apertura del Salone del Mobile che, ispirandosi al famoso geografo, astronomo, astrologo (Tolomeo… appunto) voleva rendere l’idea di una mentalità scientifica unita alla creatività e al design.

E infine, vi svelo il suo punto di forza: Ogni pezzo può diventare una lampada indipendente. La testa da sola per esempio, se pinzata o appesa, può diventare tante altre lampade. Allora… Free your mind!

Finestre: un aspetto da non trascurare nelle scelte di arredo

Nell’arredamento di interni le finestre sono un fattore sempre più considerato, che rende l’ambiente più gradevole. Inoltre, gli infissi sono utilizzabili in differenti colori e materiali costruttivi e quindi sono in grado di adeguarsi sia agli arredamenti classici che moderni. Pertanto, essi non si limitano ad essere semplici mezzi difensivi contro il trambusto e i fenomeni atmosferici, ma rappresentano dei componenti fondamentali da adeguare a tutto l’arredamento. Al fine di scegliere gli infissi idonei sarà necessario considerare non solo i loro fattori tecnici, ma anche il loro aspetto esteriore.

Gli infissi in alluminio sono l’ideale per gli arredamenti moderni. Difatti negli ultimi tempi si preferisce l’impiego del ferro battuto e dell’acciaio, che sono dei materiali adatti ad ottener un buon isolamento termico, oltre ad essere fruibili in differenti tinte, adeguabili ad ogni tipologia di arredo.

Sicuramente i serramenti più venduti sono quelli in cloruro di polivinile o pvc, che offrono un buon rapporto qualità-prezzo. Si tratta di infissi che oppongono una buona resistenza ai fenomeni atmosferici, oltre ad essere degli ottimi materiali isolanti, disponibili in differenti colori e che quindi si adattano anch’essi ad ogni tipologia di arredo.

L’utilizzo di materie naturali come il legno (che permette di modellare al meglio colori, tagli e forme) sono idonee ad un arredamento classico. Una tipologia di finestra che rende la camera più abitabile e ricca di confort è sicuramente quella per i tetti; capace di trasformare una mansarda inospitale, in un ambiente vivibile, adatto ad essere impiegato come salotto o camera per gli ospiti.

Un aspetto da non tralasciare è sicuramente la scelta dei tendaggi idonei all’ambiente. Infatti, le tende non dovranno essere solo pratiche e funzionali, ma dovranno anche essere piacevoli alla vista. I giusti tendaggi potranno mutare completamente l’aspetto di una stanza, perciò si dovranno prediligere tende lunghe dalle stoffe soffici e dalle tinte neutre negli ambienti con soffitti alti e tende rigide a pacchetto, che coprono solo il vetro in caso di soffitti più bassi.

,

Arredare un appartamento in 7 semplici passi

Come arredare un appartamento