Articoli

Cucine in stile country

Cucine country una scelta di stile

Cucine in stile country

Country chic, shabby chic, provenzale, in muratura o rustica. classic. , oppure più rustiche o con una patina vintage: sono le composizioni che si ispirano alla tradizione e all’atmosfera delle case di campagna, ma le rivisitano in chiave moderna.

Lo stile country in cucina

Il country è uno stile di arredo rilassato e caldo, perfetto per tutta la casa ma particolarmente adatto agli ambienti della cucina. Le regole da seguire sono semplici e non rigorose, perché lo stile country deve, prima di tutto, essere genuino e sentito. Legno, colori pastello – verde menta soprattutto – cotto, ceramiche bianche o lavorate, e ancora porcellane spaiate, vecchi armadi, latta e qua e là un tocco di verde è tutto quello che ti serve.

Le cucine country, proprio come le cucine moderne, sono formate da moduli componibili, assemblabili a piacere, con piano di lavoro unico. Le composizioni però possono anche essere intervallate da elementi a libera installazione, come i blocchi cottura o lavaggio.

Cucine country chic

A fare la differenza sono finiture e materiali e l’attenzione ai dettagli – piccoli elettrodomestici e utensili – tutti in stile country. Alcuni modelli sono realizzati interamente in legno massello, su altri modelli soltanto i frontali. Per la struttura di basi e pensili si impegnano invece multistrato o listellare. Le finiture sono naturale, con vernice a poro aperto, patinata o decapata.
Per quanto riguarda la forma delle ante sono spesso a telaio modanate, cioè sagomate con bordi lavorati – oppure per i modelli più rétro sono previsti pannelli centrali lavorati a intreccio o a nido d’ape.

Madie e piattiere sono arredi tipici per una casa stile country. Si tratta di grandi mobili contenitori realizzati in legno, la cui posizione è solitamente in prossimità della sala da pranzo. La parte inferiore del mobile è realizzata con ante a battente e talvolta cassetti. Potrete utilizzarla come dispensa. La parte superiore è comporta da una schiena in pannellatura di legno e mensole decorate. Su di esse potrete collocare piatti in ceramica decorata, teiere e tazze in cotto.

Una delle situazioni di maggiore dubbio o indecisione che pervade generalmente chi acquista una cucina country è la scelta del giusto top.

E la decisione si fa ancora più complicata perché su di essa influiscono l’aspetto estetico e quello pratico funzionale, che a volte coincidono ed a volte sono piuttosto distanti.

Spesso si sentono considerazioni riguardo la bellezza di top in legno associata a timori sulla loro scarsa praticità, resistenza all’acqua o alle macchie  o possibilità di essere facilmente intaccati.

Altrettanto spesso sentiamo lodare la durezza o impermeabilità di certi marmi o quarziti associate però ad una nota negativa infierita al loro freddo impatto estetico.

È chiaro che nell’arredare con una cucina country si dovrà alla fine giungere a dei compromessi.

Il top è la parte della cucina più soggetta all’uso e per questo deve dare “sicurezza”, cioè rendere tranquillo chi la usa affinché ci sia la possibilità di lavorarvi con tranquillità e senza eccessiva attenzione.

cucine country in legnoÈ altresì vero che, sul piano estetico, allo stile e colore della cucina country creato va associato un top che sia visivamente in armonia , oltre che con la cucina anche con l’ambiente-cucina inteso come locale della casa.

Riguardo i piani in legno, è necessario considerare che è vero che essi non hanno le stesse caratteristiche di durezza ed impermeabilità di marmi o quarziti, ma vengono comunque trattati in modo idroprotettivo e resistente all’acqua ed all’umidità con prodotti che, pur non alterando le patina, danno notevole resistenza alla penetrazione d’acqua.
Inoltre, soprattutto nei legni antichi, se si generano delle macchie di olio o altro, spesso si confondono con le variazioni di colore che le patine antiche hanno, quindi non è necessario farsi condizionare troppo da questi elementi.

Nel momento in cui la scelta cade su marmi, di cui esistono tantissime varietà, sarà necessario confrontare le venature ed i colori e provarle a contatto con i legni della struttura.

Oggi esistono altre soluzioni, tipo il quarzo, il Dekton oppure il laminam, questi materiali riproducono esteticamente le venature del marmo, ma non hanno nessuna controindicazione

Per la tua cucina Country, scegli sempre il miglior piano che meglio si adatta alle tue esigenze e alla tua cucina!

Ne’ classico, né moderno: attualissimo shabby chic

cucine in stile shabby chic

cucina in stile shabby chicOggi vogliamo parlare di uno stile di arredamento che non è né di matrice classica né di stampo moderno,uno stile che riguarda ogni aspetto dell’arredamento a partire dai grandi ambienti per finire al piccolo oggetto d’uso quotidiano.

Oggi parliamo di SHABBY CHIC che letteralmente significa usurato, invecchiato, rovinato…ma con classe!
L’aspetto rovinato dell’oggetto shabby non è casuale, è frutto di un attento recupero di vecchi oggetti che fanno parte della nostra storia.
camere in stile shabby chicNasce in Gran Bretagna dove si trovavano facilmente vecchi arredi in stile vittoriano presenti nelle case di campagna e si sviluppa prendendo piede non a caso nel nostro periodo in cui imperversa la crisi economica e l’attenzione per il riciclo e il riutilizzo, infatti per realizzare un perfetto stile shabby chic si parte da mobili vecchi,p preferibilmente molto lavorati con intarsi e cornici che vengono recuperati eliminando i colori scuri,dipingendoli con tinte chiare, colori pastello che in alcuni punti lasciano scoperto il legno naturale che crea un contrasto e da un senso di rovinato su cui la patina del tempo ha agito.
Ecco che in una stanza da letto trovano posto il vecchio comò della nonna dipinto in tinta avorio assieme ad un tavolino che funge da comodino e ad una piccola cassettiera da abbinare con colori tenui che possono andare dal lavanda al rosa.

Il letto con testiera in ferro viene vestito con un copriletto fatto all’uncinetto,mentre per le tende si privilegiano tessuti leggeri come il cotone o il lino decorati con pizzi e merletti.
shabby-chic-Un vecchio innaffiatoio di latta accoglie fiori da forme opulente come rose, ortensie o peonie dai colori rosati.

In questa stanza o in soggiorno può trovare spazio una vecchia poltroncina con la struttura in legno dipinta di chiaro e successivamente carteggiata in alcuni punti e rivestita con tessuti a temi floreali o rigati.
Elementi spaiati e apparentemente non abbinati tra loro dialogano tramite accordi di colori tenui nelle cucine dove ogni tazzina è diversa dall’altra e dove sulla parete impera un vecchio grande orologio.
Oggetti trovati nei mercatini e accostati a candele e ad oggetti decorativi romantici abbelliscono mensole o vecchie piattaie nelle cucine a metà strada tra lo stile provenzale, il country e l’ottocento inglese.
bagno shabby chicProprio per queste sue caratteristiche lo stile shabby si adatta meglio alle case di campagna rispetto a quelle di città o a contesti post industriali.
È di bellissimo impatto anche l’inserimento di un singolo pezzo shabby in un contesto ultra moderno o minimal.
Risulta di ottimo gusto anche l’abbinamento tra il mobile shabby chic e un pezzo di gusto vintage.
In commercio difficilmente si trovano nuovi mobili in stile shabby chic e non è neppure semplice trovare un artigiano che sappia “shabbare” un vecchio mobile e renderlo attuale.

Ciononostante questo stile caldo e accogliente si sta facendo sempre più spazio anche nel nostro paese perché partendo da pezzi vecchi che subiscono una lavorazione rende ogni ambiente unico e irripetibile.
Se hai un vecchio pezzo che non vuoi buttare chiedici un consiglio su come rinnovarlo!